Select Page

suggerimenti e consigli molto veloci per decoratori pigri.

E’ ormai cosa quasi comune apportare piccole modifiche ai propri ambienti domestici senza ricorrere necessariamente a decoratori, architetti o designer; complice è anche l’informazione: le riviste sul design spuntano come funghi, e in televisione spopolano programmi che parlano di arredamento e restyling. Non è sempre detto che tutto ciò che ci venga in mente di fare sia corretto, e non è sempre detto che si trovi sempre la voglia di mettere in pratica idee e spunti che ci arrivano costantemente. Ecco quindi degli “interior design to do” da tenere sempre a mente, nel caso durante una pigra domenica pomeriggio vi venga voglia di fare i decoratori e cambiare lo stile di casa.

GIOCATE CON LE DIMENSIONI: macro-micro. Le mezze misure non piacciono a nessuno, provate a poggiare una grande lampada da tavolo su una pila accatastata di libri, o appendete una grande cornice sopra un piccolo tavolo. Il colpo d’occhio è assicurato, e l’effetto sarà chic e molto scenico.

GALLERY WALL: una parete museo. Appendete cornici (possibilmente di dimensioni differenti) con foto e quadri, accostando grandi frame ad altri più piccoli. Coprite quasi interamente l’intera parete e senza dubbio cambierete l’aspetto di una stanza, dandole un tocco di personalità.

LA CASA? IL VOSTRO MIGLIOR NEGOZIO: non dovrete per forza uscire e passare intere giornate a cercare il complemento d’arredo perfetto o il tappeto più morbido e alla moda. Guardatevi bene attorno, in casa vostra. Magari avete in stanza un set di cuscini che non usate e che stanno perfettamente su quella vecchia poltrona della nonna che tenete con tanto amore in salotto! Un po’ di inventiva, e zero euro spesi!

VERDE VERDE E ANCORA VERDE: aggiungete delle piante e dei fiori, e immediatamente avrete degli ambienti nuovi. Non importa che siano sempreverdi, piante grasse o bouquet di stagione, l’importante è che non siano finti!

MASCHERATE: a terra, sui mobili che hanno fatto il loro ma che ancora non volete buttare, o su divani e poltrone. Usate pellami, tessuti e tappeti, per un tocco charme in più.

STILE E CULTURA SUI COFFEE TABLE: mai, mai e poi mai lasciare un coffee table vuoto. E’ desolante. Disponeteci dei libri e delle riviste patinate, una scacchiera vintage e con dei pezzi sovradimensionati, piccole sculture e soprammobili. Le tazzine del caffè non sono poi così pesanti da tenere in mano!

ANGOLI VUOTI, CHE ORRORE: in casa mia non esistono buchi. Gli angoli vuoti sono desolanti: riempiteli con cesti di vimini, luci, piccoli tavoli con cuscini, pile di libri (accuratamente scelti), o un grande cactus. Sbizzarritevi e seguite il vostro gusto, ma non lasciateli mai vuoti.

Buon design a tutti!