Select Page

SPUNTI DI RIFLESSIONE PER COMPRENDERE QUALE SIA LO STILE D’ARREDO ADATTO A TE

Sapere cosa vi piace (e cosa non vi piace) è il primo passo per creare una casa dove potete stare bene. Invece che partire subito concentrandovi sui nomi ufficiali dei vari stili ,  spesso può essere utile soffermarvi a individuare ciò che vi piace e vi attrae veramente. Raccogliete le idee su cosa amate e cosa vi fa stare bene, poi muovetevi verso la ricerca di stile e design , e quindi anche di nomi e marche, adatti a voi.

1. Pensate a qualcosa che non vi stanchi
Fatevi questa domanda:  Quali sono le passioni, gli oggetti e i colori, le forme e le geometrie che vi portate dietro da sempre?

2. Che atmosfera volete creare?
Pensare a come volete sentirvi a casa vostra è un ottimo modo per ribaltare la questione dello stile. Cercate di immaginare che tipo di atmosfera vi piacerebbe creare, e poi ragionate cercando di individuare che genere di mobili, quali colori o che tipo di tessuti usereste per realizzare la vostra idea.

Fatevi questa domanda: come desiderate sentirvi quando varcate la soglia di casa alla fine di una lunga giornata?

3. Scattate una foto ai vostri oggetti prediletti
Se al momento state cercando di mettere a punto l’arredamento, forse c’è qualcosa in casa di cui non siete proprio convinti. In compenso, probabilmente, ci sono alcuni oggetti a cui siete particolarmente affezionati. Andate in giro per casa e scattate una foto ai vostri pezzi preferiti. Guardando, poi, l’insieme delle foto, provate a individuare il filo rosso che le unisce e che vi attrae.

Fatevi questa domanda: che parole usereste per descrivere gli oggetti della vostra casa che amate? Cosa hanno in comune?

4. Fate una lista delle cose che vi piacerebbero, senza tenere conto del loro prezzo 
Abbandonatevi a un’immaginaria frenesia da shopping e stilate un elenco di tutti quegli oggetti (siate il più precisi possibile) che vi piacerebbe comprare per la vostra casa, se il denaro non avesse valore. A volte questo tipo di esercizio aiuta a ragionare fuori dagli schemi. Anche se non finirete mai con l’acquistare niente della vostra lista dei sogni, dovreste esservi chiariti un po’ le idee su quello che amate veramente.

Fatevi questa domanda: come descrivereste gli oggetti della vostra lista dei sogni? Nel caso si tratti di oggetti creati da un certo designer o in vendita in un certo negozio, come descrivereste lo stile per il quale questo designer/negozio è conosciuto?

5. Guardate fuori!
Se amate il giardinaggio o comunque vi piace stare all’aperto, nel cercare lo stile a voi più affine potreste partire dagli esterni. Osservate il vostro giardino, i parchi pubblici, i negozi del quartiere e, naturalmente, l’erba del vicino…

Fatevi questa domanda: che cosa amate di più di questi spazi all’aperto? Come descrivereste lo stile del vostro giardino preferito o dello spazio esterno che più vi piace?

6. Date un’occhiata al guardaroba
Pensate allo stile come a un fil rouge che ha attraversato tutta la vostra vita. Magari il nostro stile è più accentuato in una particolare area della nostra vita, ma tutte le cose che facciamo sono collegate tra loro. Per individuare ciò che vi piace per la vostra casa potete riflettere sul tipo di vestiti che indossate: la scelta dell’abbigliamento può sicuramente essere messa in relazione con quella dell’arredamento.

Fatevi questa domanda: che cosa vi piace indossare? Come descrivereste il vostro stile personale? Chi sono le vostre tre icone di stile?

7. Qual è il vostro viaggio dei sogni?
Prendetevi un momento per fare una lista dei luoghi dove siete stati e avete amato e un elenco delle destinazioni dove vi piacerebbe andare un giorno.

Fatevi questa domanda: preferireste volare alla volta di una spiaggia con venticello e casetta sul mare o accomodarvi in un hotel parigino? Se dovete pensare a un luogo particolare da visitare, andreste in una grande città o, piuttosto, in un affascinante villaggio di campagna?

8. Concentratevi anche su quello che non vi piace
A volte dare un nome a ciò che non amiamo può servirci a rompere il ghiaccio e sgombrare la mente per poterci focalizzare su ciò che, viceversa, ci attrae.

Fatevi questa domanda: che tipo di spazio non vi attira? Poi, viceversa, descrivete il tipo di ambiente opposto.